Cosmografie di Tommi Musturi

Cosmografie è il primo libro di Tommi Musturi in italiano, pubblicato nell’ottobre 2018 da ed Fortepressa – La Bagarre Onlus.

«L’artista deve costantemente cambiare. Deve riflettere la vita. La vita è un flusso di cose diverse e di emozioni con le sue gioie e i suoi dolori: i dispiaceri spesso creano le condizioni per la felicità, la rabbia nasce dalla paura, i suoni si sentono meglio dopo una pausa di silenzio, le esplosioni sembrano più intense quando irrompono nella vita quotidiana.
In natura sopravvivono le specie che sono in grado di adattarsi. Nel vortice della biodiversità è assolutamente impossibile pensare a una specie che rimanga sempre identica a se stessa. Il cervello dei nativi digitali nati del XXI secolo si sta già sviluppando in una direzione completamente nuova.

 

L’immutabilità non è una caratteristica della natura. L’uomo non è consapevole di lottare per la sua sopravvivenza, ma è esattamente quello che fa, tutto il tempo. La mira del capitalismo è semplificare le cose, perché così è più facile gestirle. La biodiversità della natura è semplificata, per esempio, attraverso processi di produzione intensiva e manipolazione genetica. Tuttavia, il piano sta vacillando. Oggigiorno le piante infestanti selvatiche si stanno rafforzando e i terreni di certe zone rurali stanno mutando la propria dotazione di elementi nutritivi rendendo impossibile la coltivazione di certi cereali richiesti sul mercato. Al pari delle piante e della terra, l’arte emarginata, a partire dalla sua condizione di miseria, può prendere il sopravvento. È tempo di rimboccarsi le maniche e di aspettare l’occasione giusta.»

 

Tommi Musturi
Tommi Musturi vive a Tampere. È editor della rivista trimestrale Kuti e dell’antologia annuale Glomp, vincitrice del Premio del fumetto alternativo al festival di Angoulême nel 2005. Ha pubblicato oltre che nel suo paese, anche in Portogallo, Germania, Francia, Belgio, Svezia e Nord America. Nel 2012 in occasione dei 20 anni del festival Fumetto gli viene dedicata una grande retrospettiva a Lucerna e, nello stesso anno, partecipa alla collettiva Eye Balling, le nuove forme del fumetto al museo Kiasma di Helsinki. Sperimenta continuamente nuovi stili in diversi generi artistici e reinventando costantemente se stesso, occupa un posto di rilievo nell’estetica di un’intera generazione di disegnatori finlandesi.

Nello studio di Tommi Musturi (Fumettologica, 25/6/2018)

“Cosmografie”, i racconti visionari di Tommi Musturi (Fumettologica, 31/10/2018)

Qui le prime pagine in anteprima del volume