traduzioni

 

narrativa

oneiron Lindstedt L., Oneiron, Elliot Edizioni, 2016

Oneiron, una parola nuova, quasi una formula magica che tiene legate Nina, Ulrike, Polina, Shlomith, Rosa Imaculada, Wlbgis e Maimuna, le sette protagoniste di questo romanzo. Le donne s’incontrano inspiegabilmente in uno spazio bianco, vuoto, forse un limbo. Non ricordano che cosa gli sia successo né sanno dove si trovano o perché. Decidono di intraprendere a turno un percorso a ritroso tra i brandelli dei loro ricordi. Ognuna di esse, grazie al sostegno delle altre, troverà il modo di ricostruire la propria identità e pronunciare una parola capace di donare loro per sempre la libertà. Un romanzo corale e polifonico, carico di densità filosofica. Un racconto affascinante che parla di corpi adulati, violentati, ridisegnati, usati come mezzo artistico, fonte di vita e causa di morte, in uno dei maggiori casi editoriali dell’anno.


Lindgren M., Assalto a Villa del Lieto Tramonto, Sonzogno, 2017 (in uscita)

Villa del Lieto Tramonto non è più la stessa dopo la prepotente invasione di domotica e teleassistenza. Pareti intelligenti propinano versetti biblici per il conforto dell’anima, minacciosi robot da compagnia si aggirano nei corridoi e il cibo liofilizzato è stampato in 3D. Di personale in carne e ossa, neanche l’ombra. Eppure, qualcuno dal cloud veglia senza sosta sulle esistenze degli ospiti della residenza per anziani. È buono o cattivo, e chi ci guadagna dall’impiego massiccio della tecnologia per la terza età? L’impavido e inseparabile terzetto di ultranovantenni – Siiri, Irma e Anna-Liisa – indaga. E quando passerà all’azione, ad aiutarlo troverà vecchi amici e insospettabili complici: i topi.


Lindgren M., Fuga da Villa del Lieto Tramonto, Sonzogno, 2016

Pareti abbattute, tubature divelte e trapani che spaccano i timpani. Villa del Lieto Tramonto, la tranquilla residenza per anziani nella periferia di Helsinki, è sottosopra per massicci lavori di ristrutturazione, e alle inseparabili Siiri e Irma non resta che cercare un modo per fuggire. E alla svelta: loschi individui – sono davvero muratori? – si aggirano nell’edificio, e il portagioie della loro compagna Anna-Liisa è scomparso. Tutto sotto gli occhi della direzione della struttura.  Perché allora non affittare un appartamento in centro, lontano da disagi, furti e calcinacci? Meglio però allargare l’invito agli amici della canasta: la puntigliosa, cara Anna-Liisa e l’ambasciatore, il suo distinto consorte, oltre all’infelice Margit alle prese con la grave malattia del marito. La convivenza nello stravagante alloggio – raso rosso alle pareti, un letto rotondo e un improbabile palo da lap-dance in soggiorno – in uno dei palazzi più antichi della capitale finlandese, è per il gruppo di anziani un avventuroso nuovo inizio: la spesa al pittoresco mercato coperto, il bucato, i pasti da cucinare, amicizie inaspettate e giri in tram tra vecchi ricordi e scoperte entusiasmanti. Eppure, qualcosa non quadra. Per il fiuto investigativo di Siiri e Irma, la ristrutturazione nasconde ben altre, criminose attività, e quando il mistero comincerà a dipanarsi tra comici passi falsi, inattesi colpi di scena e irriverenti quanto umane opinioni sulla morte, le ostinate vecchiette toccheranno con mano quanto sia facile lasciarsi ingannare dalle apparenze. Anche alla loro non più tenera età.  Il nuovo episodio della Trilogia di Helsinki, irresistibile commedia gialla che mescola sapientemente suspense, umorismo e acute riflessioni su temi sociali di rilevante attualità.

Per saperne di più clicca qui


Mistero a Villa del Lieto Tramonto

Lindgren M., Mistero a Villa del Lieto Tramonto, Sonzogno, 2015.

Tra Miss Marple e il centenario di Jonasson, il primo libro della trilogia di Helsinki che sta conquistando tutta Europa

«Tic tac, tic tac, tic tac.» A Villa del Lieto Tramonto, ridente casa di riposo immersa nella foresta vicino a Helsinki, è l’ora del caffè e, come al solito, Irma e Siiri, due vivaci novantenni ospiti della residenza, amano trascorrere quel momento in perfetto relax. Dopo le partite a canasta, le lezioni di ginnastica dolce, il whiskino prescritto dal medico o le riunioni del gruppo per la memoria, un’oretta di svago ci vuole per scambiarsi ricordi di giovinezza o spettegolare sul funerale del giorno, che è pur sempre una festa e un avvenimento per curare il proprio look. Ma soprattutto, l’ora del caffè dà l’occasione per criticare il regolamento e l’incuria del personale specializzato, quello che fi gli e nipoti, per guarire i sensi di colpa, chiamano “servizi di eccellenza”. Per fortuna dalla Villa si può anche uscire, andare in giro in tram per rifarsi l’occhio con le bellezze della capitale finlandese, e così a Siiri, Irma e alla loro terza compagna, Anna-Liisa, capita di osservare, con bonario sarcasmo, le stranezze del mondo moderno che le circonda. A turbare la routine delle tre amiche è però un fatto terribile: la morte, in circostanze misteriose, del giovane cuoco, sempre gentile e pieno di allegria, accompagnata da una serie di episodi inquietanti che rivelano il lato sinistro di quel rifugio, ora non più così accogliente. Provette Miss Marple, Siiri, Irma e Anna-Liisa si trasformano in intraprendenti investigatrici per venire a capo degli enigmi nascosti tra le mura dell’amena residenza in un mistery arguto che tocca sapientemente le corde del giallo e della commedia, con un pizzico di suspense e molto, irresistibile, dark humor finlandese.

Per saperne di più clicca qui 

Sfoglia le prime pagine del libro


lipasti

Lipasti R., Un Nemico per Amico, FeltrinelliKids, Milano, 2015.

Questa è la storia di Manavilia, una vivace bambina di undici anni che vive su un’isola con la sua famiglia e sogna terre lontane. Quando approdano le navi dei vecchi amici mercanti, Manavilia incontra Pekko, suo coetaneo, unico superstite all’attacco dei Vichinghi al suo villaggio, e i due ragazzini diventano inseparabili. Un brutto giorno, il crudele Olaf e i suoi appaiono all’orizzonte. La comunità isolana si prepara alla difesa e, grazie alle fortificazioni, riesce a fermare i nemici. Pekko e Manavilia, affacciandosi dal loro rifugio, vedono un guerriero che è riuscito a scalare la roccia e lo colpiscono. In quel momento si rendono conto che è un ragazzo come loro e, in preda al rimorso, lo recuperano e decidono di nasconderlo. Ma quando Manavilia comincia a manifestare simpatia per il nuovo arrivato, Pekko si domanda: perché dovrebbe proteggerlo? In fondo è il nemico, il nemico di sempre. Una storia avvincente che sotto la trama avventurosa nasconde un manifesto contro la guerra, denuncia il pregiudizio contro il diverso e ribadisce l’importanza degli affetti.


 

Hämälainen K., Crudeli omicidi in una notte d’estate, Newton Compton, Milano, 2014.

Un movente incredibile. Una verità inconfessabile. Quattro amici e un delitto.

È una calda serata di primavera a Londra e Robert, banchiere di successo, osserva compiaciuto la città ai suoi piedi dalla finestra panoramica del suo lussuoso appartamento nello Shard, il grattacielo più alto d’Europa. Presto arriveranno i suoi ospiti, Mikko e sua moglie Veera. Lui fa il giornalista e come tutti gli idealisti ha in mente grandi progetti sul futuro del pianeta. Il padrone di casa e la sua giovane moglie Elisa hanno preparato la cena con cura, ma la serata prende da subito una brutta piega: ognuno dei convitati ha un segreto da nascondere. E Mikko di sicuro racchiude in sé la verità più inconfessabile: è andato lì per uccidere il suo amico. A fine serata, tre cellulari risuonano nel silenzio del lussuoso appartamento, completamente deserto. Chi sono le tre vittime, e chi il loro assassino? Mikko è riuscito a portare a termine il suo piano omicida o è stato scoperto e per questo punito con la morte?


Luhtanen S., Oikkonen M.,Nymphs, Sperling&Kupfer, 2013.

«Ti sei mai accorta di come ti guardano?» Didi, capelli lunghi e viso da bambina, non si è mai chiesta da dove venga la sua straordinaria bellezza: si sente una sedicenne come tutte le altre, con la testa piena di sogni e il chiodo fisso del primo amore – e della prima volta. Ma è proprio nel momento in cui, in una notte di luna piena, Didi decide di concedersi al suo fidanzato, che capisce di non essere affatto come le altre ragazze: subito dopo, infatti, improvvisamente, lui muore. Saranno le seducenti Kati e Nadia a svelare a Didi il mistero: lei è, come loro, una ninfa. Nata in una notte di eclissi di luna, destinata a restare giovane e bellissima in eterno. E condannata a uccidere tutti gli uomini con cui farà l’amore. Se tenterà di sottrarsi a questo rito affascinante e crudele, che avrà luogo ogni notte di plenilunio, sarà lei stessa a morire. Ci sono poche, semplici regole nella vita di una ninfa, e una su tutte: non innamorarsi mai. Didi, però, non vuole rinunciare all’amore, tanto meno adesso che ha rivisto Samuel, suo vecchio amico del cuore. A complicare le cose sarà Erik, un uomo dalla irresistibile e ombrosa bellezza che appartiene alla stirpe dei Satiri. Ovvero quanto di più pericoloso una ninfa possa incontrare sulla sua strada. Inquietante. Sexy. Terribilmente appassionante. Tra mito, leggenda, suspense e romanticismo, un romanzo che è impossibile lasciare a metà, con protagonisti straordinari e un intreccio che tiene avvinti quanto lo sguardo seducente di una ninfa. Il romanzo ufficiale della serie tv “Nymphs”, in onda su Sky Uno.

Qui un estratto del libro.


la-promessa-del-plenilunioPulkkinen R., La promessa del plenilunio, Garzanti, 2013.

Una promessa illuminata dalle stelle. Una donna e il suo coraggio. Un amore che infrange tutte le barriere.

Dove corre il limite tra giusto e sbagliato? Fino a che punto siamo disposti a spingerci per perseguire i nostri desideri? E se questi vanno contro ciò che è comunemente considerato giusto? È questo il dilemma che si agita nelle pagine di Riikka Pulkkinen, autrice di una storia in cui i sentimenti si sentono sulla pelle, nel corpo e nel cervello.

«Il romanzo davvero ribelle di Riikka Pulkkinen affronta magnificamente i temi dell’amore e della morte.»

«Helsingin Sanomat»

fumetto

fingerpori_211Jarla P., Fingerpori, strisce del fumetto per il settimanale Internazionale (dal 2015).

 Fumetto cult finlandese.

Pubblicato sin dall’aprile del 2007 dall’Helsingin Sanomat, quotidiano di Helsinki e una tra le testate più importanti e lette del paese. Le strisce di Jarla appaiono ormai regolarmente su molte riviste finlandesi e in più hanno dato vita a una vera e propria collana di volumi dedicata.

Link di approfondimento:

Fingerpori – Wikipedia

Fingepori: fumetto cult finlandese

Fingerpori in English

saggistica (dal finlandese e dall'inglese)

Liimatainen L., L’Arabia Saudita: uno stato islamico contro le donne e i diritti, Castelvecchi Editore, 2016.

Custode della Grande Moschea di La Mecca, prima produttrice mondiale di petrolio e, come tale, alleato e partner economico, militare e politico dell’Occidente (pur essendo accusata di rapporti ambigui con l’lsis), l’Arabia Saudita è un Paese governato da un regime assolutista che viola costantemente i diritti umani e le libertà civili fondamentali, ricorrendo anche a selvagge esecuzioni capitali e limitando tenacemente i più elementari diritti della popolazione femminile. Pochi tuttavia conoscono la realtà quotidiana del più grande Stato arabo dell’Asia occidentale. Liisa Liimatainen è riuscita a penetrare in profondità tra le pieghe della sua complessa società, esplorando in particolare ciò che avviene tra le donne, i giovani e la cospicua minoranza sciita della Provincia Orientale. Scopriamo così le numerose contraddizioni e gli aspetti imprevedibili della vita quotidiana in un regno per molti versi feroce guardiano della tradizione, ma al tempo stesso attraversato da fermenti inaspettati e capace – nelle figure dei suoi attivisti – di soluzioni inedite e coraggiose all’interno di un’originale dialettica con i modelli di sviluppo occidentali.


schull_copertinaDow Schüll N., Architetture dell’azzardo, Progettare il gioco, costruire la dipendenza, Sossella Editore, 2015.

A cura di Marco Dotti e Marcello Esposito

Con quindici anni di ricerca sul campo a Las Vegas, l’antropologa Natasha Dow Schüll mostra come il ritmo elettronico delle slot spinga i giocatori in uno stato di trance che loro chiamano “la zona della macchina”. In questa zona le preoccupazioni quotidiane, le pressioni sociali e anche la coscienza della propria dimensione fisica scompaiono. Una volta entrati nella zona, le persone continuano a giocare non per vincere ma per continuare a giocare, il più a lungo possibile.

Se l’obiettivo delle persone è perdersi nel gioco, l’obiettivo dell’industria è massimizzare i profitti. Schüll descrive le strategie nascoste negli algoritmi delle macchine, nell’architettura degli spazi e nella gestione dell’ambiente in cui il gioco si svolge.

Uno degli snodi cruciali su cui il libro si concentra è quello del “New God”, il “dio” che ogni giocatore crede si agiti “dentro” la macchina: il generatore di numeri casuali da cui dipende ogni cosa. L’era del machine gambling ci consegna così schiere di giocatori curvi, solitari, silenziosi, immersi in una zona protetta dalla macchina.

Non c’è più bisogno di far ricorso a mezzi magici per implorare gli spiriti, osservava Weber, nuovi strumenti tecnologici svolgono al meglio lo stesso servizio.

Qui è possibile scaricare gratuitamente la bibliografia in pdf del libro.

 

 

 


 

Instagram